Lazio Women, nel weekend l'iniziativa contro la violenza sulle donne Lazio Women, nel weekend l'iniziativa contro la violenza sulle donne -> La Lazio Women si schiera contro la violenza sulle donne. Come comunica il sito ufficiale del (...) ---  
Il ricordo di Tommaso Maestrelli Il ricordo di Tommaso Maestrelli -> La S.S. Lazio ricorda, a 46 anni dalla sua scomparsa, Tommaso Maestrelli, artefice del primo (...) ---  
Lazio in ritiro in Turchia: Sarri aspetta, ma ecco le possibili date Lazio in ritiro in Turchia: Sarri aspetta, ma ecco le possibili date -> La preparazione invernale potrebbe svolgersi lontano da Formello, i tempi però, sono stretti. Il (...) ---  
Laziomania: ma non dovevano comprare Milinkovic Savic? Laziomania: ma non dovevano comprare Milinkovic Savic? -> di Luca Capriotti In un giorno e una notte cambia tutto, nel calcio. Viene fatto passare come un (...) ---  
Lazio, Gila jolly per l’Europa: ora sogna l’esordio in Serie A Lazio, Gila jolly per l’Europa: ora sogna l’esordio in Serie A -> di Carlo Roscito Sarri l’ha fatto giocare da titolare solo in Coppa: il difensore vuole (...) ---  
Lazio in cerca di un terzino ma Sarri insiste per Ilic a centrocampo  Lazio in cerca di un terzino ma Sarri insiste per Ilic a centrocampo -> di Nicola Berardino l serbo del Verona è legato all'addio di Luis Alberto. In difesa occhi (...) ---  
Lazio, tra Sarri e Luis Alberto convivenza forzata Lazio, tra Sarri e Luis Alberto convivenza forzata -> di Daniele Rindone È il giorno della ripresa a Formello: si riparte con un caso aperto e di (...) ---  
Serbia, S. Milinkovic preoccupa: la caviglia è messa male Serbia, S. Milinkovic preoccupa: la caviglia è messa male -> Il Sergente della Lazio è uscito malconcio dopo la partita con il Camerun: parte livida e (...) ---  
Lazio, scatta la ripresa: Sarri ha dato appuntamento alla squadra Lazio, scatta la ripresa: Sarri ha dato appuntamento alla squadra -> Tutti a Formello da mercoledì, ferie invernali finite per i giocatori non impegnati al Mondiale. (...) ---  
Ali da blindare, Lazio in azione per il rinnovo di Zaccagni Ali da blindare, Lazio in azione per il rinnovo di Zaccagni -> di Daniele Rindone Non solo Pedro, Felipe e Romero. I biancocelesti trattano anche con l’ex (...) ---  
Riecco il vero Romagnoli, a difesa della Lazio formato Champions Riecco il vero Romagnoli, a difesa della Lazio formato Champions -> Ha completato i mesi di rodaggio ed è stato decisivo per ricostruire il reparto arretrato: con lui (...) ---  
Signori: "L'affetto dei tifosi della Lazio vale più di ogni scudetto" Signori: "L'affetto dei tifosi della Lazio vale più di ogni scudetto" -> L'ex attaccante biancoceleste Giuseppe Signori è intervenuto ai microfoni di Lazio Style (...) ---  
Milinkovic, spettacolo al Mondiale: la Serie A elogia il suo “Re” - FOTO Milinkovic, spettacolo al Mondiale: la Serie A elogia il suo “Re” - FOTO -> Un gol da campione quello che ha realizzato Milinkovic oggi nella sfida contro il Camerun. Peccato (...) ---  
Serbia, S. Milinkovic si rammarica: “Un errore ci è costato caro” Serbia, S. Milinkovic si rammarica: “Un errore ci è costato caro” -> Il Sergente della Lazio in gol contro il Camerun dispiaciuto per il 3-3 finale. Ma i numeri lo (...) ---  
#SingaSong | Cragnotti: "quotLa Lazio sta facendo grandi cose, ricordo l'abbraccio con suor Paola il gi #SingaSong | Cragnotti: "quotLa Lazio sta facendo grandi cose, ricordo l'abbraccio con suor Paola il gi -> In occasione della prima edizione di Sing a Song, organizzato dall’ associazione So.Spe di suor (...)

Autore Topic: Intervista a Miro Klose (e Lulic...)  (Letto 132 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline ThomasDoll

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 18725
  • Karma: +886/-56
  • Sesso: Maschio
  • Sul prato verde vola
    • Mostra profilo
    • sul prato verde vola
Intervista a Miro Klose (e Lulic...)
« : Giovedì 17 Novembre 2022, 12:52:41 »
Oggi sul CorSera, da Bergonzini

Di Sarri mi piace, potrei tornare per allenare in A»
MIRO KLOSE PARLA L’EX BOMBER TEDESCO
Corriere della Sera (Roma)16 Nov 2022© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fatti, non parole. Miro Klose è così. Non uno che cerca i riflettori, non uno abituato a pronunciare frasi di circostanza, solo per essere ammiccante e trarne qualche beneficio. Miro è onesto, sincero, trasparente. Non parla spesso della Lazio, ma la porta con sé. «I miei figli sono laziali, anche se ora, a quasi 18 anni, giocano con la U19 del Monaco 1860 - racconta - Essere a Roma è emozionante per me».

Klose, 44 anni, bomber della Lazio dal 2011 al 2016, è tornato nei giorni scorsi per la«Partita della Pace» voluta da Papa Francesco, e ha portato tutta la famiglia. «I miei figli volevano conoscere Ronaldinho. Sono contento di aver partecipato all’evento, noi calciatori abbiamo il dovere di mandare messaggi di pace».

Meglio ancora se l’evento è a Roma. «L’ho trovata bene, una città incredibile», e che lo lega alla Lazio. «A volte, scorrendo la galleria, rivedo le foto del mio periodo qui. Il legame che sento coi compagni con cui ho vinto la Coppa Italia nel 2013 contro la Roma resta, così come le emozioni che riaffiorano e l’affetto per la gente». Anche se non parla spesso di Lazio. Non ne ha bisogno, non deve dimostrare, né ostentare. La lazialità ce l’ha dentro. «Ho vissuto momenti che non scorderò mai».

Oggi è all’Altach, nella serie A austriaca: che allenatore è?

«Credo sia fondamentale avere una filosofia di gioco, anche nel rispetto del pubblico. Bisogna ragionare sulla percezione che la gente ha del calcio che si propone. Il gioco deve essere intrigante, offensivo. Mi piace avere il possesso della palla. La squadra deve essere attiva».

Un calcio diverso da quello che proponeva la sua prima Lazio, quella di Reja, col quale aveva però un ottimo rapporto...

«Per me era qualcosa di nuovo e da calciatore il mio obiettivo era mettere in campo le idee dell’allenatore. All’epoca sapevo di essere in grado di fare più di quel che mi chiedeva. Andai da lui e gli esposi le mie idee. Ma Reja non era solo tattica. Lui parlava in faccia. Diceva apertamente e anche brutalmente se riteneva che qualcuno avesse fatto male. Umanamente dava tanto».

Lei è diretto coi calciatori?

«È importante esserlo. Devono sapere cosa fanno bene e cosa sbagliano. E credo che l’onestà paghi sempre».

Le nuove generazioni sono abituate a questa franchezza?

«Credo sia una questione di educazione. Ho diviso la squadra in due gruppi, il primo a ogni allenamento si occupa dei palloni, il secondo del materiale che ci serve. Se manca qualcosa, se qualcosa non è come dovrebbe, allora pagano una multa. Il calcio non è solo giocare».

Che cosa intende?

«Per rendere al massimo non ci si può limitare ai 90 minuti della partita. Si è calciatori sempre, 24 ore al giorno. Si deve riposare e mangiare bene. La carriera è breve, bisogna dare il massimo. Se si beve alcol e si va in discoteca, facendo il calciatore nei ritagli di tempo, non va bene».

L’allenatore si deve adattare alla squadra che ha o viceversa?

«All’Altach l’anno scorso giocavano un calcio diverso rispetto a quello che vogliamo proporre noi. Ci è voluto un po’, ho dovuto adeguare il sistema di gioco, provare i calciatori in ruoli diversi, ma ora sono soddisfatto. Per me è il posto giusto per imparare. Prendere ragazzi giovani e accompagnarli nel percorso da calciatore: il ruolo di allenatore lo interpreto così. Devo aiutarli a raggiungere i loro obiettivi».

Qui ho vissuto momenti che non scorderò mai, a cominciare dalla Coppa Italia vinta nel derby contro la Roma nel 2013

Come si migliorano giocatori?

i singoli

«Bisogna capire chi si ha di fronte. Ogni persona, e quindi ogni calciatore, può migliorare su aspetti diversi, e avrà bisogno di più o meno tempo per farcela. Ma l’allenatore non deve mai rinunciare a lavorare su quel calciatore. Anche se l’apprendimento è lento».

I miei figli sono ancora tifosi laziali, la città l’ho trovata bene e per me tornarci è sempre un’emozione particolare

Qual è il suo obiettivo?

«Allenare in Bundesliga. Ma non so quanto ci vorrà. Due anni prima di smettere di giocare ho capito che volevo restare in campo. Ho voglia di aiutare i più giovani. Mi identifico nel ruolo di tecnico».

E gli altri campionati d’Europa?

Reja molto umano, da Pioli al Milan ho fatto uno stage, Inzaghi è maturato (e non ha tradito il pubblico)

«Mi piacerebbe pure la serie A. Qui sono stato cinque anni, mi sono trovato bene. Lavorare da voi credo sia un obiettivo realistico per me». Le piace la Lazio di oggi? «Quando ho tempo la guardo. Sarri mi piace molto, lo considero un ottimo allenatore. Dà input interessanti alla squadra, che poi li mette in campo. Però non lo conosco personalmente, quindi il giudizio è parziale».

A differenza di quello su Pioli e Simone Inzaghi...

«Ho fatto una settimana di praticantato da Pioli. Alla Lazio con lui c’era grande intensità già negli allenamenti. E in campo si vedeva come si vede ora al Milan. Inzaghi si è migliorato molto nella tattica, nell’intensità, nella capacità di leggere le gare. Rispetto all’inizio ha fatto passi da gigante. Questo mi stimola perché dimostra che si può migliorare».

Qualche tifoso laziale si è sentito tradito da Inzaghi per come se ne è andato...

«Arrivati a un certo punto è comprensibile cercare nuove esperienze. Non ha preso una decisione contro la Lazio o i laziali. Ha pensato alla carriera. Penso però si debba essere sempre trasparenti. Quando si percepisce che si ha voglia di cambiare è giusto comunicarlo, alla società, ai calciatori e ai tifosi. Se si è chiari, nessuno si può arrabbiare».


Lulic potrebbe entrare nello staff dell’Altach dopo la pausa
Corriere della Sera (Roma)16 Nov 2022El. Ber. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Un legame profondo. Miro Klose e Senad Lulic negli anni trascorsi insieme alla Lazio hanno creato una vera amicizia. Quando, nel 2020, il bosniaco è stato fermo per un anno per infortunio, si è rivolto all’ex centravanti tedesco per curarsi con i medici del Bayern Monaco. Ora, finito il corso a Coverciano per diventare allenatore, gli ha chiesto di poter svolgere il praticantato all’Altach. «Già nelle scorse settimane è venuto da noi, forse alla ripresa mi aiuterà proprio in campo», racconta Klose. Ai tifosi laziali avrebbe fatto piacere vedere Lulic studiare da tecnico a Formello, ma come tanti altri ex biancocelesti si è staccato dal club: «Se un giocatore vuole restare in società, credo sia giusto che lo si aiuti a trovare la strada più adatta a lui: permettergli di capire se è più portato a fare l’allenatore, il dirigente o altro». Senad la sua strada l’ha individuata e ha cominciato a percorrerla. E in fondo spera sempre che un giorno lo riporti a Formello.

Elmar Bergonzini

Online Panzabianca

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 2958
  • Karma: +33/-0
  • Sesso: Maschio
  • ma Cippa non se ne dole? ...E a te che te ne cale?
    • Mostra profilo
Re:Intervista a Miro Klose (e Lulic...)
« Risposta #1 : Giovedì 17 Novembre 2022, 13:14:16 »
e bravi. Dunque, però a noi, un giorno, ce dovranno allenà:

Diego Pablo
Sinisa
Miro
Senad

C'è solo l'imbarazzo della scelta ed è bello sapere che un giorno tutto questo avverrà. Perché nella Lazio le cose belle prima o poi accadono.
"Rotolai in salita come fossi magico
E toccai la terra rimanendo in bilico
Mi feci albero per oscillare
Trasformai lo sguardo per mirare altrove
E provai a sbagliare per sentirmi errore"
(Poeta maggiore del '900)

Offline superaquila

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 3723
  • Karma: +19/-0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Intervista a Miro Klose (e Lulic...)
« Risposta #2 : Venerdì 18 Novembre 2022, 07:10:06 »
Se ne potrà parlare fra 2 o 3 anni o quando Sarri deciderà di smettere.

Comunque nel calcio come nella vita la riconoscenza non ha mai pagato:
vanno avanti solo i valori che si dimostrano nel presente.
"L'ignoranza è una patologia che colpisce molte persone. 
 I sintomi sono: la cattiveria, la presunzione, l'invidia e la cattiva educazione.
 (Antonio De Curtis, alias Totò)