Lazio Women, nel weekend l'iniziativa contro la violenza sulle donne Lazio Women, nel weekend l'iniziativa contro la violenza sulle donne -> La Lazio Women si schiera contro la violenza sulle donne. Come comunica il sito ufficiale del (...) ---  
Il ricordo di Tommaso Maestrelli Il ricordo di Tommaso Maestrelli -> La S.S. Lazio ricorda, a 46 anni dalla sua scomparsa, Tommaso Maestrelli, artefice del primo (...) ---  
Lazio in ritiro in Turchia: Sarri aspetta, ma ecco le possibili date Lazio in ritiro in Turchia: Sarri aspetta, ma ecco le possibili date -> La preparazione invernale potrebbe svolgersi lontano da Formello, i tempi però, sono stretti. Il (...) ---  
Laziomania: ma non dovevano comprare Milinkovic Savic? Laziomania: ma non dovevano comprare Milinkovic Savic? -> di Luca Capriotti In un giorno e una notte cambia tutto, nel calcio. Viene fatto passare come un (...) ---  
Lazio, Gila jolly per l’Europa: ora sogna l’esordio in Serie A Lazio, Gila jolly per l’Europa: ora sogna l’esordio in Serie A -> di Carlo Roscito Sarri l’ha fatto giocare da titolare solo in Coppa: il difensore vuole (...) ---  
Lazio in cerca di un terzino ma Sarri insiste per Ilic a centrocampo  Lazio in cerca di un terzino ma Sarri insiste per Ilic a centrocampo -> di Nicola Berardino l serbo del Verona è legato all'addio di Luis Alberto. In difesa occhi (...) ---  
Lazio, tra Sarri e Luis Alberto convivenza forzata Lazio, tra Sarri e Luis Alberto convivenza forzata -> di Daniele Rindone È il giorno della ripresa a Formello: si riparte con un caso aperto e di (...) ---  
Serbia, S. Milinkovic preoccupa: la caviglia è messa male Serbia, S. Milinkovic preoccupa: la caviglia è messa male -> Il Sergente della Lazio è uscito malconcio dopo la partita con il Camerun: parte livida e (...) ---  
Lazio, scatta la ripresa: Sarri ha dato appuntamento alla squadra Lazio, scatta la ripresa: Sarri ha dato appuntamento alla squadra -> Tutti a Formello da mercoledì, ferie invernali finite per i giocatori non impegnati al Mondiale. (...) ---  
Ali da blindare, Lazio in azione per il rinnovo di Zaccagni Ali da blindare, Lazio in azione per il rinnovo di Zaccagni -> di Daniele Rindone Non solo Pedro, Felipe e Romero. I biancocelesti trattano anche con l’ex (...) ---  
Riecco il vero Romagnoli, a difesa della Lazio formato Champions Riecco il vero Romagnoli, a difesa della Lazio formato Champions -> Ha completato i mesi di rodaggio ed è stato decisivo per ricostruire il reparto arretrato: con lui (...) ---  
Signori: "L'affetto dei tifosi della Lazio vale più di ogni scudetto" Signori: "L'affetto dei tifosi della Lazio vale più di ogni scudetto" -> L'ex attaccante biancoceleste Giuseppe Signori è intervenuto ai microfoni di Lazio Style (...) ---  
Milinkovic, spettacolo al Mondiale: la Serie A elogia il suo “Re” - FOTO Milinkovic, spettacolo al Mondiale: la Serie A elogia il suo “Re” - FOTO -> Un gol da campione quello che ha realizzato Milinkovic oggi nella sfida contro il Camerun. Peccato (...) ---  
Serbia, S. Milinkovic si rammarica: “Un errore ci è costato caro” Serbia, S. Milinkovic si rammarica: “Un errore ci è costato caro” -> Il Sergente della Lazio in gol contro il Camerun dispiaciuto per il 3-3 finale. Ma i numeri lo (...) ---  
#SingaSong | Cragnotti: "quotLa Lazio sta facendo grandi cose, ricordo l'abbraccio con suor Paola il gi #SingaSong | Cragnotti: "quotLa Lazio sta facendo grandi cose, ricordo l'abbraccio con suor Paola il gi -> In occasione della prima edizione di Sing a Song, organizzato dall’ associazione So.Spe di suor (...)

Autore Topic: Giulio, quando il segreto è non mollare mai: "La Lazio e il calcio sono stati...  (Letto 66 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 29511
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.LaLazioSiamoNoi.it



“Ciao, sono Giulio. Un anno fa mi sono ammalato di una malattia rara al midollo osseo. Sono dovuto stare 7 mesi in ospedale, senza mai uscire perché i valori del sangue erano talmente bassi che non avevo alcun tipo di difesa immunitaria". Inizia così la chiacchierata con Giulio, sedicenne pazzo per il calcio e, soprattutto tifosissimo della Lazio. La sua storia ha avuto un lieto fine. La foto che lo ritrae all'Olimpico in occasione di Roma - Lazio insieme al dottore che l'ha guarito ha fatto il giro del web. Una promessa mantenuta - quella del dottor Palumbo - e la gioia della rinascita.
Giulio si è goduto lo spettacolo seduto in tribuna, ha esultato al gol di Felipe Anderson e ha preso in giro il medico che ha dovuto, invece, riconoscere la sconfitta della sua squadra. Il loro è un legame nato tra i corridoi dell'ospedale, ma che prosegue anche ora, con Giulio guarito e che, man mano sta riprendendo la sua vita. L'importanza di avere un "complice" in un momento così complicato e quasi incomprensibile per un adolescente l'ha ben espressa: "Il dottore che mi ha preso in cura è stata una figura importante per me, come del resto tutti gli altri medici. Lui mi ha sempre detto che una volta uscito dall’ospedale saremmo andati insieme allo stadio, al derby Roma - Lazio. Io sono tifosissimo della Lazio, lui della Roma. Domenica il mio sogno si è avverato. Non solo sono potuto tornare allo stadio, ma ero anche in ottima compagnia. Lui forse un po’ meno contento per la sconfitta della Roma (ride, ndr). Il calcio è sempre stato uno dei motivi, ciò che mi ha dato la forza di reagire e di credere che prima o poi sarei tornato a giocare e a tifare la mia squadra del cuore”. 

Insieme a mamma Roberta, poi, siamo tornati indietro nel tempo per raccontare quei mesi drammatici, la speranza delle prime cure, la difficoltà di trovare un midollo che potesse essere compatibile con quello di Giulio, gli ostacoli legati al Covid. Si è trattato di una vera battaglia, che Giulio ha vinto e di cui ora si gode il lieto fine insieme a una famiglia che si è stretta attorno a lui. Si sono dati forza, l'uno con l'altro. Ma partiamo dall'inizio: "Giulio è finito in ospedale il 30 ottobre del 2021, improvvisamente dopo essersi fatto male a calcio. Pensavamo di uscirne con un gesso, una gamba rotta perché aveva preso una botta al ginocchio. I dottori sono stati molto scrupolosi, hanno preferito fare anche le analisi del sangue. Da lì è emersa una situazione tragica. Abbiamo iniziato questo percorso lungo 7 mesi di ininterrotto ospedale. È uscita fuori dopo varie diagnosi e biopsie, una rara malattia autoimmune al midollo, l’aplasia midollare".

Il "nemico" ha iniziato ad avere un nome. È stato il primo passo per iniziare a studiare il piano per annientarlo. Dopo aver tentato con alcune cure, l'ospedale si è messo al lavoro per trovare un donatore compatibile di midollo osseo. L'unica soluzione per Giulio, infatti, sarebbe stato il trapianto, sostituire completamente il suo midollo che non funzionava più. I genitori hanno iniziato a promuovere campagne di sensibilizzazione insieme all'ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo). Prosegue Roberta: "Abbiamo reclutato parecchia gente, che però non è risultata compatibile con Giulio. A Giulio è stato trovato un donatore nel registro mondiale, in Germania. Ha ricevuto il trapianto di midollo il 17 marzo 2022. Da questo è iniziata la ripresa. È andato tutto bene, ha avuto solamente un problema che l’ha fatto rientrato in ospedale, causato dal Covid. Lì i medici hanno avuto un po’ paura. Le complicazioni dopo il trapianto per alcuni segnano a vita, non li risparmiano. Fortunatamente è stato un altro mese dentro e hanno risolto".

Difficoltà, speranze, gioia e una passione a cui Giulio è rimasto "incollato" e che gli ha dato un po' di forza in più per non mollare: il calcio. Dalle partite della Lazio e della Serie A viste direttamente dal tablet, fino alle videochiamate con la sua squadra dopo una vittoria o una sconfitta. Insieme hanno gioito, ma si sono anche arrabbiati. E man mano, la luce è iniziata a penetrare. Prima fioca, poi sempre più potente: "Ha iniziato a riprendere la sua vita, anche precocemente rispetto alla normalità. Fisicamente e mentalmente è stato molto forte. Ha voluto tornare a calcio, la sua grande passione. È tornato a scuola (...) Il calcio è la sua vita. Lui e il padre sono super tifosi della Lazio. Grazie a telefonini e tablet ha visto tutte le partite, aspettava il sabato e la domenica per le partite di campionato. È portiere dell’Under 17 del Cerveteri. La squadra non l’ha mollato mai. Durante le partite c’era sempre qualche giocatore che riprendeva il campo e glielo faceva vedere in diretta a Giulio. Negli spogliatoi esultavano con lui se vincevano, s’arrabbiavano se perdevano. Lo chiamavano sempre. Il calcio è stato fondamentale, l’ha aiutato a livello di testa e anche a livello fisico. Facendo calcio a livello agonistico, il suo corpo ha reagito anche a livello buono".

Ci sono stati tanti momenti brutti, prosegue Roberta. Dagli effetti collaterali dei medicinali alla chemio subita prima del trapianto di midollo. E ora vedere il proprio figlio tornare a vivere, riprendere il mano le sue giornate e godersi piccole ma grandi gioie che gli sono state date ma che si è meritato alla grande, è la soddisfazione più grande per una mamma. Quella giornata da trascorrere allo stadio, poi, Giulio l'ha vissuta con tanta emozione. "Era emozionatissimo dai giorni prima, metteva le crocette sul calendario. Vederlo così, tornare a vivere con le sue passioni, è una cosa bellissima". La storia di Giulio, che siamo stati orgogliosi di poter raccontare, vede tanti altri "eroi". Si tratta di tutti i medici, gli infermieri e gli OSS del Bambino Gesù di Roma. Professionisti esemplari, uomini e donne di buon cuore, che hanno coinvolto il ragazzo, relazionandosi direttamente con lui e aiutandolo a rendere un po' più chiara la situazione. D'altronde, ciò che si conosce si può sconfiggere.

Alla base di questa storia, c'è sicuramente tanta sofferenza, ora trasformata in inspiegabile gioia. Ma anche un'inesauribile voglia di non mollare. C'è poi la missione dei medici, l'amore e la protezione della famiglia. E ancora, l'unione - e la sana follia - che si respirano solamente all'interno di uno spogliatoio. Ma non per ultimo, un gesto, apparentemente semplice, ma che nel caso di Giulio e di tanti altri bambini e adulti, decisivo: diventare donatore di midollo osseo. Si tratta, effettivamente, di salvare vite. E il messaggio che Roberta vuole sia sottolineato è proprio questo. In ospedale ci sono ancora tanti ragazzi che non trovano la compatibilità. Che sono costretti ad aspettare, a trascorrere i giorni appesi a un filo. Donare è una scelta semplice, ma tutt'altro che scontata. Quasi rivoluzionaria. Arricchisce il ricevente, ma forse in egual misura, il donatore. "Non è una pratica invasiva, le cellule si rigenerano dopo qualche settimana", prosegue Roberta. E Giulio, esempio vivente di quanto sia bello rinascere.

Vai al forum