Autore Topic: Svolta Lazio, il retroscena sul colloquio tra Luis Alberto e Sarri a fine dicembre  (Letto 22 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 30137
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.corrieredellosport.it



Leggi il commento sulla situazione tra l'allenatore e l'attaccante biancoceleste

di Daniele Rindone

                   Incompreso, ricompreso. Per forza o per scelta rimasto e il diritto al posto se l guadagnato dimostrando di meritarlo in allenamento cos come impone Sarri ogni giorno. Luis Alberto s ripreso la Lazio durante la sosta Mondiale, dopo le delusioni provate da fine ottobre. Si allenava a pi non posso, aspettava il mercato invernale. Tutti (anche a Formello) erano convinti che tra lui e Mau fosse finita, che la convivenza forzata non sarebbe stata pi possibile. Sarri e Luis si sono parlati a fine dicembre, quando il Mago era stato allettato dallidea di giocare nel Cadice pur di allontanarsi dal Comandante. Luis glielo disse chiaramente, cera questa chance di mercato. Mau non lo fece prigioniero, a quel tempo era disposto a cederlo pur di preservare gli equilibri di spogliatoio. Ma non gli neg chance e lo mise di fronte alla realt: Lotito non lo avrebbe mai fatto partire a zero n prestato. Il riferimento al chiarimento fatto da Luis a Cluj si ricollega a questo episodio: cambiato il rapporto, abbiamo avuto un confronto per il bene di entrambi. Io ci ho messo del mio e ora sto giocando di pi. vero che sto bene fisicamente.


La svolta

Da quellincontro qualcosa scattato nella testa di Luis. Il mercato non ha dato speranze, s messo lanima in pace e come accaduto tante altre volte ha ritrovato motivazioni. Il Mago ha continuato ad essere tra i migliori in allenamento, ha saltato Lecce per infortunio. E stato rilanciato con lEmpoli e da allora stato il centrocampista pi impiegato da Sarri. Da gennaio il Mago ha giocato 840'. Pi di Milinkovic (795'), pi di Cataldi (760') e di Vecino (478') tanto per citare i big. Le indisposizioni dellultima settimana hanno costretto Sarri a puntarci a ripetizione, senza potergli concedere riposo. In generale nel 2023 sempre stato titolare in campionato, sempre titolare in Coppa Italia (con Bologna e Juve), titolare anche in Conference. Ha giocato 90 minuti tranne che con lEmpoli (ma uscito all87') e con la Fiorentina (fuori dopo 63'). Si sta allenando come dico io, ha spiegato Sarri. E Luis in partita gli sta garantendo un doppio lavoro, di corsa e rincorsa, gioca con stile e con fisicit. Sia a Salerno e sia a Cluj s abbassato per aiutare la costruzione, s alzato fino a sconfinare dentro larea. E il segno di uno stato di forma eccellente, di una predisposizione al sacrificio. Gioved, dopo un inizio complicato per tutti, salito in cattedra il Mago. Ha sfiorato il gol di testa. Ha sfornato corner di nuovo ficcanti. Ha lanciato Felipe producendo alcuni dei raid pi pericolosi del secondo tempo.


Il futuro

Da Luis ci si pu aspettare di tutto, si sa. Che si eclissi allimprovviso, che su Twitch dica i video di Sarri fanno addormentare, che dia lui la sveglia a tutti. Oggi come oggi sintonizzato sulle frequenze di Mau, recita la sua parte dentro lorchestra e non increspa le acque dentro lo spogliatoio. Questo Luis d fiducia, molto aggiunge e nulla toglie ai ritmi sarriani. E diventato una rotella cruciale, il genio anarchico. Deve continuare ad esserlo. Luned si giocher contro la Samp, venerd a Napoli, poi si continuer con la Conference (gli ottavi). Sarri sta spremendo Luis e Vecino, deve farli rifiatare, ma quando? Dipende dal rientro di Milinkovic e si chiede un contributo pi decisivo a Basic altrimenti le rotazioni saranno sempre limitate. Ma un Luis cos difficile da fermare.

Vai al forum