Autore Topic: Conference League, Sarri: "Battere l'AZ o la Roma? Ci sono partite che danno..."  (Letto 146 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 33060
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
www.gazzetta.it



L'allenatore della Lazio rilancia le ambizioni europee dopo le dichiarazioni post Bologna: "Io provo a vincere sempre"

Ribadisce che vincere il derby gli darebbe più gusto, ma non per questo ha intenzione di mollare la coppa. Anzi, appena sbarcato ad Alkmaar, Maurizio Sarri ci tiene a chiarire meglio il senso delle parole pronunciate dopo il match col Bologna, che avevano fatto pensare a una scelta di campo tra la Conference League e il campionato (a favore del secondo). "Non ho detto - spiega l’allenatore della Lazio - che preferisco vincere il derby piuttosto che il match con l’Az. Io voglio vincere sempre e provo a vincere sempre. Però ci sono partite che ti dà più gusto vincere. E il derby è una di queste".

Rimonta --- Della Roma si comincerà a parlare da domani sera, però. Adesso c’è solo il match con la squadra olandese. La Lazio deve rimontare la sconfitta per 2-1 subita nella gara di andata all’Olimpico. "L’unico modo per passare il turno - precisa Sarri - è giocare con motivazione e grande coinvolgimento da parte dell’intero gruppo". E il tecnico è sicuro che, da questo punto di vista, la Lazio non tradirà. "Smettiamola di dire cavolate e dare degli imbecilli ai calciatori. Uno che guadagna migliaia di euro al mese non può avere alibi, non può dare priorità ad una partita invece anche ad un’altra".

Le scelte --- Detto ciò, Sarri manderà in campo una Lazio molto vicina a quella migliore. Turn over limitato al massimo e dettato più dagli acciacchi che dall’esigenza di preservare forze fresche in vista del derby. "I cambi ci saranno in base a quanto visto negli ultimi giorni, ma anche in base a quello che dice il medico. Purtroppo il Mondiale disputato a metà stagione ci ha costretto poi a giocare un numero impressionante di partite in poco tempo. I giocatori si stancano di più e sono maggiormente esposti agli infortuni. Ne risente inevitabilmente anche lo spettacolo. Ma a me sembra che ormai queste cose non interessino più a nessuno. Così come se dicessi che il campo su cui giocheremo domani è indecente. Sono rimasto l’unico dinosauro che vede queste cose nel calcio. E adesso leggo anche di un Mondiale (il prossimo, ndr) che sarà allargato e mi viene da ridire pensando che la prossima settimana dovremo dare ancora i giocatori alle nazionali dopo che li abbiano persi per due mesi tra novembre e dicembre". Meglio pensare solo alla gara di domani: "Il match di andata ha detto che loro sono bravi in determinate situazioni che abbiamo concesso, ma anche loro ne concederanno a noi e dovremo essere bravi a sfruttarle".

Vai al forum