Autore Topic: Trionfo Lazio, la risposta agli sfott  (Letto 49 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 30525
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Trionfo Lazio, la risposta agli sfott
« : Luned 20 Marzo 2023, 09:00:21 »
www.corrieredellosport.it



Leggi l'editoriale del caporedattore del Corriere dello Sport-Stadio

di Alberto Dalla Palma


                   Sotto la Nord si celebra la festa pi bella. Zaccagni scavalca le barriere e si getta tra le braccia dei tifosi, Luis Alberto balla con i suoi figli esibendo una lazialit che in troppi non gli riconoscono, Immobile salta cos in alto che si dimentica di avere ancora qualche muscolo malconcio, Luca Pellegrini tira fuori la gioia ultr che porta nel cuore e in tribuna, che sorride sempre con la sua consueta eleganza, c Sven Goran Eriksson, uno scudetto e sette coppe in soli tre anni. Non ci poteva essere una notte pi coinvolgente per i tifosi, per uno stadio incantevole per quanto bianco e celeste, per una bolgia che si tramanda di padre in figlio quando la Roma perde. Se poi perde contro la Lazio per loro ancora pi intrigante e da quando c Mou gi accaduto tre volte su quattro, due su due in questo campionato: lo ha rivelato Luis Alberto dopo la partita che le parole di Jos successive alleliminazione dei suoi rivali dalla Conference contro lAz hanno avuto il potere di compattare la squadra, di aiutarla a risollevarsi, di farle trovare anche stimoli sconosciuti, perch loltraggio era stato troppo umiliante per passare inosservato.


La vittoria del cuore

stata la vittoria del cuore, della determinazione, dellorganizzazione che Sarri ha dato alla squadra con una pazienza maniacale. Ci sono momenti in cui vorresti imprecare perch la palla torna sempre indietro, in realt un possesso che nasconde sempre una giocata improvvisa, che pu diventare vincente anche se ti sei dimenticato di comprare un centravanti di riserva. E giocare senza Immobile, per la Lazio, come salire sulla cima del Tourmalet senza le gomme daneve. Un motivo di riflessione per il club in vista della prossima stagione, soprattutto se arriver la qualificazione Champions: bisogna che Lotito e i suoi collaboratori ascoltino il loro allenatore e investano soldi su giocatori utili alla causa e non su scommesse quasi sempre perdenti, in modo che la Lazio non partecipi soltanto al campionato ma anche alle Coppe. E qui, adesso, possiamo dire che rispetto allInter, alla Juve e alla Roma i biancocelesti avranno il vantaggio del riposo e dellapplicazione al lavoro durante la settimana: proprio le condizioni che predilige Sarri, al quale viaggiare e giocare tra il marted e il gioved non piace proprio. Ma entrando in Champions dovr farlo: il senatore Lotito faccia un mercato di grande livello se il tecnico dovesse consegnargli un piazzamento che vale, in partenza, tra i trenta e i cinquanta milioni, e provi a fare un salto di qualit perch il popolo biancoceleste se lo merita.


Lampo Zaccagni

Il lampo di Zaccagni stato letale per la Roma, che stava soffrendo dal primo istante le incursioni dellesterno di Sarri, il numero uno nella difesa del pallone con il difensore alle spalle e nello spunto successivo. Se oggi non andr in Nazionale, soltanto perch Mancini non ha gradito i suoi atteggiamenti in occasione delle precedenti convocazioni, esattamente come accaduto con Zaniolo: ci vorr tempo per riconquistare la maglia azzurra, ma se lex veronese continuer a giocare su questi livelli prima o poi rientrer nel gruppo dove si ripresenter dopo molto tempo anche Romagnoli, rimasto fuori per scelta tecnica e non per altre cause.


Consigli per il ct Mancini

Se il ct va in cerca di italiani titolari, nella Lazio pu trovare anche Casale, uno dei grandi protagonisti dei 16 clean sheet della stagione. Proprio per questa capacit di difendere, se avesse avuto un altro attaccante di ruolo con cui sostituire ogni tanto Immobile, probabile che Sarri oggi sarebbe ancora pi in alto e, forse, anche in una delle due Coppe da cui stato eliminato dopo grandi delusioni.


Di Padre in Figlio

Dietro al Napoli, allimprovviso, spuntata proprio la Lazio, lultima squadra che ha battuto Spalletti nonostante una differenza di organico quasi imbarazzante. Faccia tesoro, Lotito, di queste indicazioni per iniziare a pensare in grande. E se ha bisogno di unaltra spinta, ripensi a questa notte e allamore di un popolo che ha inventato una festa unica nel suo genere: la Lazio di Padre in Figlio.

Vai al forum