Autore Topic: Lazio-Torino, gara shock: Rocchi ferma Ghersini  (Letto 158 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline News Biancocelesti

  • *
  • Post: 33275
  • Karma: +10/-3
    • Mostra profilo
    • www.biancocelesti.org
Lazio-Torino, gara shock: Rocchi ferma Ghersini
« : Lunedì 24 Aprile 2023, 12:09:59 »
www.corrieredellosport.it



di Edmondo Pinna

L’intera partita senza un metro lineare più che gli episodi: basta Serie A

                   La stagione di Davide Ghersini può dirsi presumibilmente conclusa sabato sera allo stadio Olimpico di Roma. Al di là degli episodi specifici, contestati dalla Lazio e non solo, la sua prestazione non è stata giudicata sufficiente dal designatore della CAN, Gianluca Rocchi. Anzi, diciamo che si fa fatica a vederla, la sufficienza. Gestione tecnico-disciplinare assolutamente incomprensibile, aspetto questo preponderante rispetto ai singoli episodi, che pure sono stati analizzati e saranno analizzati dai vertici arbitrali. Difficile, molto difficile, che Ghersini possa rivedere la serie A. Possibile che prima della fine della stagione faccia qualche apparizione in B, che sembra essere - al netto dei dieci anni trascorsi fra le due categorie - la sua comfort zone di riferimento. L’arbitro si sarebbe reso conto già subito dopo la partita di aver sbagliato giornata, lo avrebbe confidato alle persone che lo hanno sentito “a caldo”. Rocchi pensava reggesse maggiormente l’urto con una partita catalogata alla vigilia non semplice (al quinto piano di via Campania, dove ha sede l’Assoarbitri, sanno perfettamente che ci sono squadre non facili da dirigere) ma questa volta è stato il direttore di gara della sezione di Genoa a creare nervosismi e confusione. 


Contestazioni

Insufficiente Ghersini (ma non per tutti), anche per i vertici arbitrali. Quello che ha stupito maggiormente il designatore è stata la gestione tecnico-disciplinare della partita. Con falli spesso non fischiati o invertiti e con provvedimenti disciplinari comprensibili solo nella Ghersini-visione, visto che al di fuori di lui in pochi hanno capito qualcosa. Va bene la soglia alta, va bene far giocare, ma bisogna avere quella sensibilità per capire quando bisogna riportare il match sui binari della legalità sportiva. Non è successo e ne hanno beneficiato in diversi, chiedere a Singo - ad esempio - ammonito solo per proteste dopo che ha martoriato Zaccagni per buona parte della gara (ed avrebbe meritato il secondo giallo ben presto, tanto che Juric ad un certo punto lo ha tolto) o a Lazzari, visto che per intensità e velocità avrebbe meritato forse qualcosa in più del giallo per l’intervento su Karamoh.


Analisi

Ghersini è uno degli arbitri che Rocchi ha provato a rilanciare in questa stagione, gli aveva dato buone risposte, per questo lo ha spedito all’Olimpico. Anche per capire che prospettive può dargli. Ma se la sua zona di competenza deve essere la serie B, è onestamente, un po’ poco, basti pensare che primi, secondi e terzi anni sono quelli deputati a dirigere con maggiore frequenza fra i cadetti. Rosa di serie A troppo ampia (e di certo la scelta che porterà a promuovere dalla C ben 5 elementi, con 8 dismissioni, non agevola, ma è il problema della politica che entra nelle questioni tecniche, lo abbiamo visto ai tempi di Nicchi, la musica non pare cambiata), qualità non eccelsa, bisogna sapersi arrangiare. Rocchi ha analizzato gli episodi, di sicuro l’intervento di Singo su Hysaj non lo ha catalogato come rigore clamoroso (ha chiesto ai suoi arbitri di essere più oculati in area, i famosi “rigorini” non devono essere dati), ma non è su questo che lavorerà con l’arbitro di Genova quando analizzerà la sua partita. E quando gli spiegherà perché, per questa stagione, le sue esperienze in serie A si fermeranno a sette.... 

Vai al forum