Autore Topic: Un Patriarca di nome Furio  (Letto 569 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline bisevac

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 649
  • Karma: +18/-0
    • Mostra profilo
Un Patriarca di nome Furio
« : Mercoledì 17 Aprile 2024, 16:38:13 »
Una scenata di gelosia, dentro un cinema, davanti a decine di persone. E con arbitro nientemeno che Maurizio Gasparri. Martedì sera, mentre gli amanti del calcio di tutto il mondo si sintonizzavano sulle partite di Champions League, Claudio Lotito decideva di dare spettacolo.

 Scagliandosi contro uno stupefatto Adriano Galliani, colpevole a suo dire di averlo “tradito” assumendo nell’audizione sul calcio in Senato una posizione vicina al suo arci nemico, Gabriele Gravina, il presidente della Federcalcio con cui ha in corso un braccio di ferro diventato bellicoso da anni.
Lo scenario è quasi istituzionale: la presentazione del film “C’è anche domani” sulla vita di Ennio Doris, organizzata da Francesco de’ Micheli e da Maurizio Gasparri. Tra gli invitati, Galliani e Gravina. Che, secondo chi era presente, hanno seguito la proiezione assieme. Prima, Galliani ha parlato di Berlusconi, emozionandosi nel raccontare il rapporto con lui e con Ennio Doris, due figure a cui la sua vita è strettamente legata. Prima del termine della proiezione, Gravina ha lasciato la sala (notato da più persone). Appena si sono accese le luci, però, nemmeno il tempo degli applausi in sala si è palesato anche Lotito, sin lì assente. Il senatore di Forza Italia e presidente della Lazio non è comparso per caso.
Sembrava quasi avere una missione, Lotito. E appena ha visto Galliani, suo collega in Senato, dove entrambi siedono tra le fila di Forza Italia, lo raggiunge e lo ha incalzato: “Ti sei schierato con Gravina, dillo che stai con loro”. Toni agitatissimi, volto trasfigurato. Galliani, restando calmo, ha cercato di lasciare la sala, chiedendo all’inatteso oppositore di lasciarlo andare per evitare di partecipare a sceneggiate. Ma Lotito continuava a frapporsi tra lui e l’uscita: “Anche in commissione oggi lo hai difeso, io non te lo perdono”.
A tentare di calmare il presidente laziale anche Maurizio Gasparri. Inutile: “Galliani è stato un signore”, racconta chi era lì, mentre “Lotito era una furia"



 
c'erano una volta il grande darienzo

Offline borgorosso

  • Celestino
  • ****
  • Post: 390
  • Karma: +4/-0
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #1 : Mercoledì 17 Aprile 2024, 16:58:11 »
è un pericolo per la Lazio.
che qualcuno lo fermi

Offline disabitato

  • Biancoceleste Clamoroso
  • *
  • Post: 27756
  • Karma: +574/-15
  • Sesso: Maschio
  • antiromanista compulsivo
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #2 : Mercoledì 17 Aprile 2024, 18:11:00 »
Ormai è fuori controllo.

DISCLAIMER: durante la scrittura di questo post non è stata offesa, ferita o maltrattata nessuna categoria di utenti o nessun utente in particolare. Ogni giudizio su persone, cose o utenti rimane nella mente dello scrivente e per questo non perseguibile.

Offline Boksic

  • Celestino
  • ****
  • Post: 391
  • Karma: +8/-0
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #3 : Mercoledì 17 Aprile 2024, 18:15:37 »
Pugnace, indomito, eroico.

Offline borgorosso

  • Celestino
  • ****
  • Post: 390
  • Karma: +4/-0
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #4 : Mercoledì 17 Aprile 2024, 18:52:20 »
Pugnace, indomito, eroico.

Non sono sinonimi di “testa di cazzo” quindi direi che non vanno bene.

Offline Frusta

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 9939
  • Karma: +286/-20
  • Laziale credente e praticante.
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #5 : Mercoledì 17 Aprile 2024, 19:01:54 »
Furia cavallo del west :lol:
Lazio, ti amo con tutta la feniletilamina, l’ossitocina, la dopamina e la serotonina che mi circolano nel cervello, che rendono il mio pensiero poco logico e che mi procurano strane sensazioni in tutta l’anatomia e battiti sconclusionati nell’organo principale del mio apparato circolatorio.

Offline Fabio

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 2437
  • Karma: +12/-10
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #6 : Mercoledì 17 Aprile 2024, 19:20:17 »
diventiamo uno barzelletta..

Offline bisevac

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 649
  • Karma: +18/-0
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #7 : Mercoledì 17 Aprile 2024, 19:25:12 »
Non si può comunque che essere dalla sua parte, in quanto massimo rappresentante della Lazio in terra.

E certamente Gravina ce l'abbiamo sul gozzo.
Certo un riscontro iconografico di questa sfuriata sarebbe d'uopo, il pezzo originale è del buon Matteo Pinci di Repubblica.
Attendiamo aggiornamenti, e qualche succosa spigolatura in più
c'erano una volta il grande darienzo

Offline Panzabianca

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 1057
  • Karma: +3/-1
  • Sesso: Maschio
  • In vino veritas, in vodka figuriamocis
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #8 : Mercoledì 17 Aprile 2024, 20:33:20 »
Furia cavallo del west :lol:

Chi è causa del suo nostro Mal...
Laziale Laziali lupus

Offline Goemon

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 1013
  • Karma: +10/-1
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #9 : Mercoledì 17 Aprile 2024, 22:30:38 »
Sarà colpa del glucagone

Inviato dal mio SM-F731B utilizzando Tapatalk

Di LAZIO ci si ammala inguaribilmente!

Offline Gasco luis veron

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 3241
  • Karma: +11/-0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Biancocelesti.org
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #10 : Giovedì 18 Aprile 2024, 05:29:05 »
Ecco, spiegato il trattamento mediatico e della Nazionale nei confronti dei giocatori della Lazio e della Lazio stessa.

Cosi' come il trattamento di Immobile (almeno fino a quando era ampiamente il piu' forte attaccante italiano).

Io, credo che non si possa dichiarar da soli guerra al Sistema perche' il Sistema te lo fa' pagare prima o, poi: e la Lazio e' il bersaglio per attaccare Lotito.

Ed ormai non credo che potra' piu' fermarsi una volta arrivato a questo punto con Gravina che rappresenta un Sistema marcio ma alla fine mi sembra che stiano tutti con Gravina tranne Lotito (alcuni non si impicciano piu'di tanto e mandano avanti Lotito per poi cambiare dove gira il vento).

In tutto questo, la Lazio certamente rappresenta il miglior strumento per attaccare Lotito.

Parere mio personale: poi queste cose son piu' grandi di noi c'e' di mezzo il potere la politica e tutto il resto che rappresenta cio' che odio del Calcio poiche' e' cio' che rovina il Calcio.

Forse, Lotito avrebbe dovuto fermarsi prima: ormai non puo' far nulla da solo.

E adesso temo che non possa piu' fermarsi.



FORZA LAZIO.

Offline bisevac

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 649
  • Karma: +18/-0
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #11 : Giovedì 18 Aprile 2024, 14:52:38 »
Apprendo da notizie di stampa di una ricostruzione assolutamente fantasiosa di un'ipotetica discussione tra i senatori Claudio Lotito e Adriano Galliani che mi onoro di avere tra gli esponenti più rappresentativi del gruppo di Forza Italia al Senato, che ho il privilegio di presiedere.

Le cronache che leggo non rispondono assolutamente al vero e non c'è stata nessuna lite e nessun battibecco".

Così il presidente dei senatori di Forza Italia Maurizio Gasparri interviene in merito alle voci di una presunta lite che sarebbe andata in scena durante la proiezione del film "C'è anche domani" sulla vita di Ennio Doris, organizzata da Francesco de' Micheli e dallo stesso Maurizio Gasparri. Nessuna lite, dunque, tra il numero uno della Lazio, Claudio Lotito, e l'ad del Monza Adriano Galliani, in seguito all'intervento alla Commissione Cultura e istruzione del Senato sulle prospettive di riforma del calcio italiano nel quale Galliani aveva sottolineato come i contrasti interni al sistema ci sono sempre stati ma ora si sono acuiti perché quattro big - Milan, Inter, Juventus e Roma - hanno pensato che attraverso l'abolizione del diritto di intesa si potesse cambiare il formato delle Serie A da 20 a 18. E nella maggioranza dei club è nata la convinzione che il presidente federale fosse d'accordo con questa posizione. "Eravamo tutti insieme per vedere un bellissimo film dedicato a Ennio Doris, un grande italiano, amico di un altro grande italiano come Silvio Berlusconi. Per il resto ognuno tifa per le sue squadre con la passione dovuta, ma senza litigare con nessuno. Tantomeno al cinema o al Senato", conclude Gasparri

 
c'erano una volta il grande darienzo

Offline Jim Bowie

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 17060
  • Karma: +240/-10
  • Sesso: Maschio
  • Laziale per nobilta' di sangue e di educazione
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #12 : Giovedì 18 Aprile 2024, 14:56:08 »
Ecco, spiegato il trattamento mediatico e della Nazionale nei confronti dei giocatori della Lazio e della Lazio stessa.

Cosi' come il trattamento di Immobile (almeno fino a quando era ampiamente il piu' forte attaccante italiano).

Io, credo che non si possa dichiarar da soli guerra al Sistema perche' il Sistema te lo fa' pagare prima o, poi: e la Lazio e' il bersaglio per attaccare Lotito.

Ed ormai non credo che potra' piu' fermarsi una volta arrivato a questo punto con Gravina che rappresenta un Sistema marcio ma alla fine mi sembra che stiano tutti con Gravina tranne Lotito (alcuni non si impicciano piu'di tanto e mandano avanti Lotito per poi cambiare dove gira il vento).

In tutto questo, la Lazio certamente rappresenta il miglior strumento per attaccare Lotito.

Parere mio personale: poi queste cose son piu' grandi di noi c'e' di mezzo il potere la politica e tutto il resto che rappresenta cio' che odio del Calcio poiche' e' cio' che rovina il Calcio.

Forse, Lotito avrebbe dovuto fermarsi prima: ormai non puo' far nulla da solo.

E adesso temo che non possa piu' fermarsi.



FORZA LAZIO.
non entro nel merito, anche se avesse dato due pizze a Galliani in ricordo del 1999 avrebbe avuto il mio appoggio, ma prendo spunto da qui per dire che in viaggio ascoltando la Radio Ufficiale, delle volte mi capita di ascoltare tale Annarita Iacopini.
Non l'ho mai conosciuta come giornalista ne come opinionista, ma chiedo a chi possibilmente la conosce, ha un banco di pesce al mercato di Trionfale?
E' veramente sgradevole starla a sentire, per esempio ieri, nella piu consolidata tradizione del gionalaismo italiano dove si insinua piu che fare cronaca, ha parlato di quanto accaduto ieri tra Lotito e Galliani.
Ha detto che a lei l'hanno raccontata in modo differente (quindi lei non e' testimone oculare) ma si e' ben guardata di raccontare come gliela avevano raccontata.
Il mio dramma e' che nelle tre ore e mezza di macchina, non posso evitarla perche non e' che ha uno spazio fisso, ma svaria dalla trasmissione di Simone Parisi fino a quella di Luca Staduto, quindi me fa l'imboscate.
Ex En_rui da Shanghai

Win Lose or Tie
"Forza Lazio"
till i die

Sarri uomo di Principi non di Opportunita'

Antiromanista si nasce non ci si diventa, ed io modestamente lo nacqui!

Offline Davide

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 15938
  • Karma: +170/-5
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #13 : Giovedì 18 Aprile 2024, 14:57:04 »
Non penso sia giornalista

Inviato dal mio SM-A127F utilizzando Tapatalk


Offline Jim Bowie

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 17060
  • Karma: +240/-10
  • Sesso: Maschio
  • Laziale per nobilta' di sangue e di educazione
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #14 : Giovedì 18 Aprile 2024, 14:58:03 »
Apprendo da notizie di stampa di una ricostruzione assolutamente fantasiosa di un'ipotetica discussione tra i senatori Claudio Lotito e Adriano Galliani che mi onoro di avere tra gli esponenti più rappresentativi del gruppo di Forza Italia al Senato, che ho il privilegio di presiedere.

Le cronache che leggo non rispondono assolutamente al vero e non c'è stata nessuna lite e nessun battibecco".

Così il presidente dei senatori di Forza Italia Maurizio Gasparri interviene in merito alle voci di una presunta lite che sarebbe andata in scena durante la proiezione del film "C'è anche domani" sulla vita di Ennio Doris, organizzata da Francesco de' Micheli e dallo stesso Maurizio Gasparri. Nessuna lite, dunque, tra il numero uno della Lazio, Claudio Lotito, e l'ad del Monza Adriano Galliani, in seguito all'intervento alla Commissione Cultura e istruzione del Senato sulle prospettive di riforma del calcio italiano nel quale Galliani aveva sottolineato come i contrasti interni al sistema ci sono sempre stati ma ora si sono acuiti perché quattro big - Milan, Inter, Juventus e Roma - hanno pensato che attraverso l'abolizione del diritto di intesa si potesse cambiare il formato delle Serie A da 20 a 18. E nella maggioranza dei club è nata la convinzione che il presidente federale fosse d'accordo con questa posizione. "Eravamo tutti insieme per vedere un bellissimo film dedicato a Ennio Doris, un grande italiano, amico di un altro grande italiano come Silvio Berlusconi. Per il resto ognuno tifa per le sue squadre con la passione dovuta, ma senza litigare con nessuno. Tantomeno al cinema o al Senato", conclude Gasparri
Vabbe' Gasparri, che vuoi che dica. Sono rimasti in tre a FI se vanno via pure quei tre ma Gasparri che fa?
Ex En_rui da Shanghai

Win Lose or Tie
"Forza Lazio"
till i die

Sarri uomo di Principi non di Opportunita'

Antiromanista si nasce non ci si diventa, ed io modestamente lo nacqui!

Offline bisevac

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 649
  • Karma: +18/-0
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #15 : Giovedì 18 Aprile 2024, 15:36:55 »
Rispondiamo al Sig.Bowie. La signora Iacobini è titolare assieme al consorte di uno storico bar pasticceria sito in Viale Tirreno a Roma, con un mobilio talmente datato che spesso vi si girano film ambientati negli anni settanta-ottanta. Buoni i maritozzi con la panna.

Per quanto riguarda  gli interventi radiofonici della signora, ella non è propriamente addetta ai lavori, solo una supertifosa assai influente, ma sicuramente "opinionista forte" dell'emittente ufficiale, in virtù del rapporto di stima e umana simpatia che ha con il Patriarca. I suoi interventi sono random, e piuttosto fluviali, e imperversano nella programmazione quotidiana. Da qualche anno ha preso il posto di Giulio Galasso, che per lungo tempo ha fatto il "cane da guardia" della società in uno spazio mattutino




All'uopo recuperiamo qui un intervento del grande darienzo datato  gennaio 2018

Diciamo che Annarita Iacobini ha preso il posto di Giulio Galasso nel ruolo di opinionista "forte" dell'emittente ufficiale, dando anche il senso di un cambio della guardia nei rapporti tra club e parte belligerante della tifoseria. Mentre l'ex-poliziotto era un autentico molosso pronto a scatenarsi a furor di polemica nei riguardi di chi non riusciva proprio a rientrare nei ranghi, questa  signora incarna alla perfezione lo spirito del tempo, evocando quel sogno del coacervo a noi tanto caro.

Entrambi quindi sono funzionali al loro presente. Dando a Galasso quel che è di Galasso, occupiamoci della dolce signora  che ci dicono titolare di un gettonatissimo bar nel quartiere Monte Sacro.

 Alle nostre orecchie la sentiamo portatrice di una Lazialità tutta calda, tutta nostra. Evoca quelle mamme biancocelesti che ascoltavamo alla radio negli anni ottanta fiere organizzatrici di pic nic a Tor di Quinto e di trasferte in torpedone, insomma quella sana atmosfera da club che era la cinghia di trasmissione di un autentico modo di fruire la nostra comune passione sportiva.
 
Dal suo eloquio parole mai banali, ma che inducono ad un afflato fraterno di condivisione, una competenza calcistica di livello unita a una sorprendente capacità di leggere fatti del mondo dell'informazione e della politica sportiva, grazie alla quale non di rado fa partire precise rampogne nei confronti di chi trama contro la nostra Lazio.

Il tono della voce è assai coinvolgente e allo stesso modo rassicurante, sembra proprio che i conduttori si beino della sua presenza per trarre spunti di discussione e anche noi ascoltatori ci sentiamo cullati e ben indirizzati da questa puntuta maitre à penser.

Insomma, promuoviamo a pieni voti gli interventi della signora Iacobini che con questi spazi da incursore nel rodato palinsesto della radio ufficiale ottiene il nostro plauso e il nostro interesse

c'erano una volta il grande darienzo

Offline borgorosso

  • Celestino
  • ****
  • Post: 390
  • Karma: +4/-0
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #16 : Giovedì 18 Aprile 2024, 16:49:06 »
non entro nel merito, anche se avesse dato due pizze a Galliani in ricordo del 1999 avrebbe avuto il mio appoggio, ma prendo spunto da qui per dire che in viaggio ascoltando la Radio Ufficiale, delle volte mi capita di ascoltare tale Annarita Iacopini.

epitome di questa società.

Offline Frusta

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 9939
  • Karma: +286/-20
  • Laziale credente e praticante.
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #17 : Giovedì 18 Aprile 2024, 18:38:40 »
... se avesse dato due pizze a Galliani in ricordo del 1999 avrebbe avuto il mio appoggio...
Parole sante.
Lazio, ti amo con tutta la feniletilamina, l’ossitocina, la dopamina e la serotonina che mi circolano nel cervello, che rendono il mio pensiero poco logico e che mi procurano strane sensazioni in tutta l’anatomia e battiti sconclusionati nell’organo principale del mio apparato circolatorio.

Offline Dissent

  • Biancoceleste DOP
  • *****
  • Post: 4432
  • Karma: +79/-9
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #18 : Venerdì 19 Aprile 2024, 10:07:03 »
la sig Iacobini ha ben operato la successione del galasso.
in effetti quale migliore cane da guardia per la trattoria di una che ha il bar?
almeno galasso faceva il poliziotto ma quelli erano altri tempi.
nei tempi della comunicazione, del bilancio e dei numeri, la jacobini fa il cane da guardia.. ;D ;D ;D

giusto il cane più che la guardia.

Offline Jim Bowie

  • Power Biancoceleste
  • *
  • Post: 17060
  • Karma: +240/-10
  • Sesso: Maschio
  • Laziale per nobilta' di sangue e di educazione
    • Mostra profilo
Re:Un Patriarca di nome Furio
« Risposta #19 : Venerdì 19 Aprile 2024, 14:50:45 »
Per Bisevac, visto che sarebbe troppo lungo quotare il suo messaggio.
A me non da l’impressione che cerchi la pax  ma da l’impressione di un cerbero legato a catena che abbaia e mostra i denti a chiunque mostri disistima verso l’attuale proprietà.
Ogni suo intervento, qualunque sia il soggetto finisce sempre con il cercare nemici di Lotito anche tra i bocciofili di una RSA.
Non capisco come ragazzi educati quali Cristiano Ditta e Luigi Sinibaldi possano ancora darle spazio.
Ex En_rui da Shanghai

Win Lose or Tie
"Forza Lazio"
till i die

Sarri uomo di Principi non di Opportunita'

Antiromanista si nasce non ci si diventa, ed io modestamente lo nacqui!